Quanti elettroni di valenza ha il cloro?

What is the valency of chlorine(Cl) Elettroni di valenza

Il cloro è l’elemento numero 17 della tavola periodica. Fa anche parte del gruppo 17. Il suo simbolo è “Cl”. Attraverso i suoi elettroni di valenza, il cloro forma legami. Questo articolo discuterà in dettaglio gli elementi di valenza per il cloro.

È la seconda alogeno più leggero. Appare tra fluoro e bromo su una tavola periodica e le sue proprietà sono per lo più nel mezzo. A temperatura ambiente, il cloro è un liquido giallo-verdastro. Il sistema respiratorio e gli occhi sono colpiti da gas di cloro tossico, corrosivo, giallo-verde. È un elemento altamente reattivo e un agente ossidante. Ha la terza più alta elettronegatività e affinità elettronica sulla scala degli elementi Pauling rivista.

elemento di cloro

Storia

Poiché il cloro può combinarsi con quasi tutti gli elementi, non si trova in natura privo di esso. Carl Wilhelm Scheele, scienziato e chimico svedese, fu il primo a produrre cloro. Nel 1774 combinò il minerale pirolusite (MnO 2 ) con acido cloridrico (HCl). Scheele credeva che il gas da lui prodotto contenesse ossigeno. Tuttavia, Sir Humphry Davy ha dimostrato di essere un elemento distinto nel 1810. L’elettrolisi del cloruro di sodio acquoso (NaCl) è il metodo principale per produrre la maggior parte del cloro oggi.

L’antisettico al cloro viene spesso utilizzato nel trattamento dell’acqua potabile e nella manutenzione delle piscine. Molti processi industriali utilizzano grandi quantità di cloro, compresa la produzione di carta e prodotti in plastica.

Applicazioni

Uccide i batteri ed è usato come disinfettante. Viene utilizzato per disinfettare piscine e acqua potabile. Può anche essere utilizzato per realizzare centinaia di prodotti di consumo, inclusi carta, vernici, tessuti e insetticidi. In passato, il cloro veniva utilizzato per produrre anestetici come il cloroformio e il tetracloruro di carbonio come solvente per il lavaggio a secco. Entrambe le sostanze chimiche possono causare danni al fegato e ora sono rigorosamente controllate.

La chimica organica è un’altra importante applicazione del cloro. È usato nelle reazioni di sostituzione e come agente ossidante. Ad un certo punto del processo di produzione, l’85% dei prodotti farmaceutici contiene cloro o uno dei suoi composti. Il PVC è costituito da circa il 20% del cloro prodotto. Questa plastica versatile viene utilizzata per i telai delle finestre, gli interni delle auto e l’isolamento dei cavi elettrici. Può essere utilizzato anche per realizzare pavimenti in vinile.

Posizione del cloro nella tavola periodica

Posizione del cloro nella tavola periodica

Ruolo biologico

Essenziale per la nostra esistenza, lo ione cloruro svolge un ruolo fondamentale. Si trova principalmente nei fluidi cellulari come ione negativo che bilancia gli ioni positivi (principalmente potassio). Può anche essere trovato nel liquido extracellulare (p. es., sangue) per bilanciare il positivo (principalmente sodio).

La maggior parte del cloruro di cui abbiamo bisogno proviene dal sale. L’assunzione media giornaliera di sale è di 6 grammi. Tuttavia, potremmo facilmente cavarcela con la metà di tale importo.

Il cloro ha effetti sulla salute

Il gas altamente reattivo è il cloro. È un elemento di origine naturale. Le aziende che producono etilene dicloruro, altri solventi clorurati e resine di polivinilcloruro (PVC), clorofluorocarburi e biossido di propilene sono i maggiori utilizzatori di cloro. Per sbiancare la carta, le cartiere usano il cloro. Per ridurre i livelli di microrganismi negli impianti di trattamento delle acque e delle acque reflue, viene utilizzato il cloro. Questo può diffondere malattie alle persone (disinfezione).

Dopo l’esposizione all’acqua, all’aria e al suolo, il cloro può essere rilasciato nell’ambiente o sul posto di lavoro. Le persone che usano candeggina da bucato o prodotti chimici per piscine contenenti cloro di solito non sono esposte al cloro. Negli ambienti industriali, il cloro si trova solitamente in piccole quantità.

Isotopi

Due isotopi stabili del cloro sono Cl-35 e Cl-337. La miscela di questi isotopi è ciò che troverai in natura come cloro.

numero atomico 17
peso atomico da 35.446 a 35.457
Punto di ebollizione -34°C (-29°F)
punto di fusione -103°C (-153°F)
densità (1 atm, 0 °C o 32 °F) 3,214 g/litro (0,429 once/gal)
stati di ossidazione -1, +1, +3, +5, +7
configurazione elettronica 1 secondo 2 2 secondo 2 2 pag 6 3 pag 2 3 pag 5

Abbondanza naturale

In natura troverai il cloro mescolato con altri elementi. Il principale minerale utilizzato per estrarre il cloro è l’alite, noto anche come cloruro di sodio o “sale marino comune”. Il sale di cloruro di sodio, che è altamente solubile, è penetrato negli oceani durante tutta la vita della Terra. Ci sono diversi letti di sale o “laghi” che si possono trovare in aree dove i mari antichi sono evaporati. Questi possono essere estratti per estrarre il cloruro.

Anche i minerali carnallite, che è magnesio e cloruro di potassio, e silvite, entrambi ricchi di cloro, contengono cloro.

Gli effetti ambientali del cloro

Se mescolato con acqua, il cloro si dissolverà. In determinate condizioni, può fuoriuscire dall’acqua ed entrare nell’aria. L’ambiente sopporta il peso del cloro rilasciato direttamente nell’atmosfera e nelle acque superficiali. Il cloro reagisce con altre sostanze chimiche una volta che è nell’aria o nell’acqua. Reagisce con l’acqua producendo sali cloruri.

Quali sono gli elementi di valenza del cloro?

L’elemento non metallico cloro può anche essere chiamato elemento alogeno. Il numero totale di elettroni nell’ultima orbita di un guscio (elettroni di valenza) è chiamato elettroni di valenza. Gli elettroni di valenza sono il numero totale di elettroni all’interno del guscio che sono stati formati dalla configurazione del cloro. Le proprietà di un elemento sono determinate dagli elettroni di valenza. Partecipano anche ai legami di formazione.

Quali sono gli elettroni di valenza del cloro?

Che numero di elettroni, neutroni e protoni ha il cloro?

Il nucleo si trova nel mezzo di un atomo. Il nucleo contiene protoni e neutroni. Il numero atomico del cloro è 17. Il numero di protoni in una sostanza è chiamato numero atomico. Il numero di protoni presenti nel cloro è 17. Il nucleo contiene un guscio di elettroni uguale ai protoni. Un atomo di cloro può avere un numero totale di 17 elettroni.

La differenza tra il numero di masse atomiche e il numero di atomi è ciò che determina il numero di neutroni all’interno di un elemento. Ciò significa che numero di neutroni (n) = massa atomica (A) + numero atomico (Z).

Sappiamo che la quantità atomica di cloro è 17 e che la sua massa atomica è 35 (35,45u). Neutrone (n) = 35 – 17 = 18. Pertanto, il numero di neutroni presenti nel cloro (Cl) è 18.

La valenza è la capacità di un atomo di un elemento chimico di formare un certo numero di legami chimici con altri atomi. Prende valori da 1 a 8 e non può essere uguale a 0. È determinato dal numero di elettroni di un atomo spesi per formare legami chimici con un altro atomo. La valenza è un valore reale. I valori di valenza numerica sono indicati da numeri romani (I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII).

Come puoi trovare il numero di neutroni di valenza in un atomo di clorofilla?

Ecco i passaggi per determinare gli elettroni di valenza. Uno di questi è la configurazione elettronica. Senza una configurazione elettronica, è impossibile determinare la valenza di un elettrone. È facile determinare la configurazione elettronica di tutti gli elementi.

Tuttavia, è possibile identificare gli elettroni di valenza posizionando gli elettroni secondo il principio di Bohr. Ora impareremo a identificare l’elettrone di valenza del cloro.

I termini ” grado di ossidazione ” e ” valenza ” potrebbero non essere gli stessi, ma sono numericamente quasi identici. La carica condizionale dell’atomo di un atomo è chiamata stato di ossidazione. Può essere positivo o negativo. La valenza si riferisce alla capacità di un atomo di formare legami. Non può avere un valore negativo.

Calcolo del numero totale di elettroni nel cloro

Innanzitutto, dobbiamo conoscere il numero di elettroni presenti nell’atomo di cloro. Devi sapere quanti protoni ci sono nel cloro per determinare il numero di elettroni. Per trovare il numero di protoni nel cloro, devi anche conoscere il suo numero atomico.

Per determinare il numero atomico è necessaria una tavola periodica. La tavola periodica contiene i numeri atomici degli elementi cloro. Il numero di protoni è chiamato numero atomico. Il nucleo contiene anche elettroni che sono gli stessi dei protoni.

Ciò significa che ora possiamo dire che il numero di elettroni nell’atomo di cloro è uguale al suo numero atomico. Il numero atomico del cloro è 17 secondo la tavola periodica. Ciò significa che il numero totale di elettroni in un atomo di cloro è 17.

  1.  La valenza è una caratteristica numerica della capacità degli atomi di un dato elemento di legarsi con altri atomi.
  2. La valenza dell’idrogeno è costante e uguale a uno.
  3. Anche la valenza dell’ossigeno è costante e uguale a due.
  4. La valenza della maggior parte degli altri elementi non è costante. Può essere determinato dalle formule dei suoi composti binari con idrogeno o ossigeno.

Sarà necessario eseguire la configurazione elettronica del cloro.

Passaggio 2 importante Questo passaggio prevede l’ordinamento degli elettroni del cloruro. La configurazione elettronica del cloro è che ci sono due elettroni all’interno del guscio K, otto all’interno del guscio L e sette all’interno del guscio M. La configurazione elettronica del cloro mostra che il primo guscio contiene due elettroni, mentre il secondo guscio ha otto elettroni. Il terzo guscio contiene sette elettroni. Attraverso il suborbitale, la configurazione elettronica del cloro è 1s 2  2s 2  2p 6  3s 2  3p 5 .

Calcola gli elettroni totali e determina il guscio di valenza.

Il terzo passo è determinare la valenza. Il guscio di valenza è l’ultimo guscio dopo la configurazione elettronica. Il numero di elettroni presenti in un guscio di valenza è noto come elettroni di valenza. La configurazione elettronica indica che l’ultimo strato di cloro ha sette elettroni. Gli elettroni di valenza del cloro (Cl) ne hanno sette.

Formazione di composti di cloro (Cl)

Attraverso il suo elettrone di valenza, il cloro (Cl) è coinvolto nella formazione del legame. Questi elettroni di valenza sono coinvolti nella formazione del legame con altri elementi. La configurazione elettronica del sodio indica che gli elementi di valenza del sodio esistono come uno. L’atomo di sodio cede i suoi elettroni di valenza e il cloro li riceve.

Formazione di composti di cloro(Cl)

In questo modo si acquisiscono le configurazioni elettroniche di cloro e sodio. Attraverso lo scambio di elettroni, gli atomi di sodio e di cloro formano il cloruro di sodio (NaCl). Il legame ionico è cloruro di sodio (NaCl).

Quanti elettroni di valenza ha lo ione cloro (Cl )?

Durante la formazione del legame, gli elementi con 5, 6 o 7 elettroni ricevono elettroni dal guscio che li contiene. Gli anioni sono elementi che hanno elettroni e possono formare legami. L’ultimo strato di cloro è influenzato da un elettrone durante la formazione del legame e diventa uno ione cloro (Cl- ) . Questo è il motivo per cui il cloro è chiamato elemento anionico.

Quanti elettroni di valenza ha lo ione cloro (Cl–).

La configurazione elettronica dello ione cloro (Cl ), è 1s 2  2s 2  2p 6  3s 2  3p 6 .  La configurazione elettronica degli ioni cloro (Cl ), mostra che ci sono tre gusci per lo ione cloro (Cl ) e che il terzo guscio contiene otto elettroni. Questa configurazione elettronica indica che lo ione cloro è ora e ha la configurazione elettronica dell’argon. In questo caso, la valenza degli ioni cloro è -1. Gli elettroni di valenza per gli ioni cloro (Cl- ) hanno otto elettroni nel guscio contenente l’ultimo guscio di ioni cloro.

Qual è la valenza del cloro (Cl)?

La valenza (o valenza) è la capacità di un atomo di un elemento di legarsi con un altro atomo nella formazione di una molecola. La valenza è il numero di elettroni spaiati che si trovano nell’ultima orbita di un elemento. Nello stato fondamentale, la corretta configurazione elettronica per il cloro (Cl) sarà 1s 2  2s 2  2p 6  3s 2  3p x 2  3p y 2  3p z 1 .

Questa configurazione elettronica indica che l’ultimo atomo di cloro ha un elettrone spaiato (3p 1 ). L’eccitazione può modificare gli stati di ossidazione del cloro. Gli stati di ossidazione del cloro sono da -1 a +1, +2, +3, +4, +5, +6, +7.

Qual è la valenza del cloro (Cl)

La valenza del cloro è quindi 1.

Atti

  • Il terzo elemento più abbondante negli oceani della Terra è il cloro.
  • Il cloruro di sodio o sale da cucina è il composto di cloro naturale più comune.
  • Gli atomi di cloro costituiscono circa l’1,9% della massa degli oceani.
  • Il cloro è il 21° elemento più abbondante nel suolo terrestre.
  • L’arma chimica preferita era il gas cloro, utilizzato durante la prima guerra mondiale.
  • Il cloro nei contenitori può essere rilevato usando l’ammoniaca.
  • L’elettrolisi dell’acqua contenente cloruro di sodio disciolto (acqua salata) viene utilizzata per produrre la maggior parte del cloro gassoso per l’industria.
  • Il cloro reagirà con l’ammoniaca e creerà una nuvola bianca sulla perdita.

Riferimenti:

  • Levitina, H; Branscome, W; Epstein, FH (dicembre 1958). “La patogenesi dell’ipocloremia nell’acidosi respiratoria”. J.Clin. investire _
  • Henry M. Leicester, Herbert S. Klickstein, A Sourcebook in Chemistry, 1400-1900., (1969) Harvard University Press.
  • Ovest, Robert (1984). CRC, Manuale di Chimica e Fisica . Boca Raton, Florida: Editoria della società di gomma chimica.
  • Antoine Lavoisier, Memorie della Reale Accademia delle Scienze 1783.
Alexander Stephenson

Candidato di Scienze Chimiche, caporedattore di Guide-scientific.com. Docente in diverse scuole online internazionali, membro di giuria di concorsi di chimica e autore di articoli scientifici.

Rate author

Rispondi